Quali sono le macchine per la lavorazione delle lamiere?

Sono ovunque, visibili ai nostri occhi ma anche nascoste dietro alti palazzi, all’interno di cortili, nelle ampie aree industriali, ovunque sia necessario proteggere persone e materiali, a costi accessibili e per un tempo illimitato.

Tutto questo lo dobbiamo alle macchine per la lavorazione delle lamiere.

Le lamiere, naturalmente fanno un lungo viaggio prima di diventare un tetto, una officina, un prodotto industriale per ulteriori lavorazioni.

La lastra, dalla quale si parte, si ottiene con il processo della laminazione delle bramme.

Le bramme sono le colate di metallo liquido, laminate a caldo per l’ottenimento, appunto, delle lamiere.

Spessore, dimensioni, tipologia e la qualità cambiano sulla base del prodotto che se ne intende ricavare.

Con la laminazione, attraverso un processo meccanico e l’intervento di due cilindri che lavorano contrapposti tra loro, si appiattisce la colata fino ad ottenere la lamina (bramma) dello spessore e della forma desiderati.

Si fa risalire il processo della laminazione al 1783, agli esordi dell’industrializzazione. Nel tempo si sono costruite macchine per la lavorazione delle lamiere sempre più sofisticate.

 

Macchine per lamiere, ne facciamo alcuni esempi

 

Calandra cesoia piegatrice lamiera professionale SOGI CCP-1320×1,5 mm 3 in 1 combinata.

Questa è una macchina ideale per la combinazione delle tre lavorazioni con una solida struttura in acciaio.

I coltelli della piegatrice sono divisi in segmenti che permettono la più ampia flessibilità di lavoro.

Ha un’impugnatura a due posizioni con tranciatura di acciaio di media durezza, alluminio, ottone, piombo, rame e plastica.

 

Calandra lamiera rotolatrice a tre rulli Fervi 0776 con basamento

 

Marca: FERVI Codice: 0776 con una lunghezza utile di lavoro di 1000 mm.

Spessore massimo di calandratura di 0.8 mm, diametro dei rulli di 50 mm.

Questa è una macchina completa di basamento con un peso di: 110 Kg.

Macchina per la lavorazione delle lamiere FERVI 0285/75 calandra motorizzata a 3 rulli in acciaio.

La posizione dei rulli può essere modificata a seconda del grado di curvatura che si vuole ottenere sulla formatura della lamiera.

La base di sostegno si può fissare al terreno. I tre rulli sono in acciaio.

Il processo di laminazione è fatto di più passaggi.

I rulli devono agire riducendo le forze di attrito generate dalla lavorazione, per evitare dissipazione di energia.

Sul mercato agiscono aziende che producono macchine per la lavorazione delle lamiere nuove, altre che commercializzano quelle usate e, revisionate, società che si occupano di aste per consentire di approvvigionarsi di macchine per le lamiere come ad esempio la macchina:

 

Linea di taglio Riboldi cod. prodotto: 18359

 

Vicla: esperti nella lavorazione della lamieraDati tecnici: Linea di taglio RIBOLDI B) Bene in buone condizioni d’uso, che è possibile vedere allacciato e funzionante, su appuntamento.

La garanzia sul macchinario è la sua funzionalità in ogni sua parte, ed è possibile visionare il collaudo.

Un settore in crescita, nel quale ha fatto il suo ingresso la tecnologia 4.0. Ricordiamo a titolo di esempio l’innovativo braccio robotico modulare e open-source, sviluppato con finalità didattiche della Comau del Gruppo FCA.

Questo è probabilmente il primo passo verso un futuro nel quale i prodotti saranno sempre più innovativi e privi di difetti a vantaggio non solo degli acquirenti ma di tutti noi, che non possiamo fare a meno dei prodotti ottenuti dalla laminazione dei metalli.